ANDREA VIVIANI

Andrea Viviani nasce a Tione di Trento nel 1970. Terminati gli studi universitari nel 1999 si trasferisce a Vallauris, in Provenza, presso l’Atelier dell’artista ceramista Roger Capron (1922/2006). Qui Viviani entra in contatto con il mondo della scultura ceramica contemporanea.

Ritornato in Italia nel 2001 apre il suo Studio d’Arte a Madonna di Campiglio, dove attualmente vive e lavora. Inizia importanti collaborazioni con architetti e gallerie d’arte.

Nel 2007/2008 collabora con “Il Sole 24 ore” per l’inserto Progetto Manager con dipinti, opere grafiche e ceramiche a commento degli articoli pubblicati. In questi anni partecipa a numerose mostre presso gallerie pubbliche e private in Italia e all’estero aggiudicandosi riconoscimenti istituzionali e vincendo concorsi pubblici per la realizzazione di Opere d’Arte di rilievo.

Ad oggi alcuni suoi lavori sono presenti in importanti istituzioni Museali, come il Keramic Museum Westerwald di HohrGrenzhausen, in Germania ed il Musée de Carouge a Ginevra, Svizzera.

La scultura di Andrea Viviani è limpida nella forma e cristallina nelle intenzioni, come un fiore di neve. Sono opere che riguardano lo spazio, la materia e le relazioni che tra essi si creano. Viviani sembra infatti felicemente oscillare tra l’attenzione per la materia, che qui vuol dire la ceramica, i processi chimici che la riguardano e l’estensione nello spazio.

 

Ne risulta un’opera complessa e multiforme, che rinchiude l’idea stessa della difformità della Natura, dai frattali di Mandeldrot alla regolarità geometrica delle colonne dasaltiche di Giant’s Causeway.

Nell’attenzione per la Natura, che qui non è semplice mimesi delle sue forme ma piuttosto una sintonia empatica con i suoi ritmi e con i suoi processi, Viviani fa della propria intuizione e osservazione dell’ambiente che lo circonda, il centro di una pratica d’indagine sul mondo poetica e profonda, che sa comprendere le leggi del caos, dell’instabilità, dell’impossibilità del controllo dell’imprevedibile, dell’irregolare.

 

Ecco il fascino estremo del lavoro di Andrea Viviani: devozione all’arte che supera se stessa nel contatto profondo con la vita, espressione della bellezza trasfigurata dalla realtà della materia e stupore inafferrabile dell’incompletezza, del sentirsi fluidamente tra le cose del mondo naturale perennemente in divenire.

contact
  • Bianco Instagram Icona
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now